«

»

lug 22 2015

Stampa Articolo

La CEDU condanna l’Italia, ma non chiede le nozze gay

«Sulle unioni civili si continua a rimestare nell’equivoco» afferma Gian Luigi Gigli, presidente del Movimento per la vita. «Qualcuno pensa, in questo modo, di riuscire a portare a casa i risultati cercati, ma così non si aiuta né la comprensione né la soluzione delle questioni aperte.

«Una cosa sono i diritti individuali e quelli per ogni forma di convivenza solidaristica, richiamati anche dalla CEDU nella sentenza odierna. Altra cosa è il riconoscimento nei fatti di un matrimonio sotto mentite spoglie. «Non ci arrenderemo mai a questa prospettiva che aprirebbe inevitabilmente la strada a una totale equiparazione al matrimonio per via giudiziaria, con tutto quello che ne deriverebbe in tema di adozione, fecondazione eterologa, acquisto di gameti e utero in affitto.

«E come la pensino in proposito gli italiani è stato evidente a tutti, neppure un mese fa, in piazza San Giovanni.

«Invece di fantasticare di accelerazioni su questi temi, il governo si concentri piuttosto a contrastare l’inverno demografico sostenendo le famiglie e aiutando le gestanti in difficoltà ad evitare l’aborto.

_______________________________________

DANIELE NARDI - Responsabile Area Comunicazione
MOVIMENTO PER LA VITA
LungoTevere dei Vallati 2, 00186 Roma
Tel. 06.6830.1121 – Fax 06.686.5725

 

Permalink link a questo articolo: http://www.movimentovitamilano.it/la-cedu-condanna-litalia-ma-non-chiede-le-nozze-gay/